BCGroane Fiab
BCGroaneFiab

IN BICICLETTA AL CIMITERO MONUMENTALE

L'ultima gita del 2017 avrà come meta il Cimitero Monumentale di Milano, che raggiungeremo in bicicletta da Ceriano, attraverso il Parco delle Groane ed alcuni percorsi ciclabili urbani. La destinazione sembra insolita: con una visita guidata gratuita di circa un'ora e mezza, curata dall'Area Servizi Funebri e Cimiteriali del Comune di Milano, la scopriremo ricca di interesse cuturale, per nulla limitata al tradizionale culto dei defunti del mese di novembre.
Il progettista del Cimitero Monumentale, infatti, l'architetto Carlo Maciachini, realizzò (1866) non un luogo di malinconico compianto, ma un parco, aperto al passeggio dell'intera cittadinanza, nel quale le tombe e gli eleganti edifici centrali ispirassero non tristezza, ma ammirazione e desiderio di emulazione di tutti coloro che, milanesi o no, avessero dato lustro alla città. Nel Famedio troveremo quindi, tra le altre, le tombe di Alessandro Manzoni, Carlo Cattaneo, Salvatore Quasimodo. Il Monumentale è così diventato un “museo a cielo aperto”: museo di scultura, per i monumenti funebri che ne impreziosiscono i viali, come in uno straordinario viaggio nella storia della scultura milanese (molti scultori si formarono all’Accademia di Brera), dal tardo romanticismo fino ai contemporanei. E museo di architettura, con le numerose edicole, tempietti o piccole cappelle di famiglia, la cui progettazione, di costo esiguo rispetto ad edifici più grandi, dava agli architetti l’occasione di farsi conoscere con creazioni innovative e di grande impatto.
Ai lati dell’ingresso principale del Cimitero se ne trovano due secondari: al cimitero degli acattolici e a quello degli israeliti. Insieme al crematorio, il primo edificato in Italia in un periodo (1876) in cui la cremazione non era ammessa dalla Chiesa Cattolica, fanno del Monumentale un luogo di coesistenza di fedi e convinzioni differenti.

Al termine della visita, dopo una breve pausa ristoratrice, ritorneremo sulle nostre pedalate verso casa. L'intero percorso (andata e ritorno) misura circa cinquantacinque chilometri ed è interamente in piano ma, poiché si svolge in parte su strade sterrate, non è adatto alle bici da corsa; vanno bene tutte le altre biciclette.
Occorrerà prestare la massima attenzione al traffico nel tratto urbano, pedalando sempre dietro il capogita, davanti alla “scopa”, rigorosamente a destra e rispettando il Codice della Strada. Non dovendo trasportare le bici in treno, non c'è limite numerico per le iscrizioni. Vista la stagione, si raccomanda un abbigliamento adeguato, con pantaloni lunghi (eventualmente sopra o sotto il pantaloncino ciclistico), guanti e calze pesanti, scarpe comode per pedalare, ma anche per camminare sui viali in ghiaia. Si raccomanda anche di portare almeno un robusto dispositivo antifurto ogni due biciclette.
Aspettiamo, come sempre, le vostre numerose adesioni.

 

Programma

ore 09.00 Ritrovo a Ceriano Laghetto in Piazza Diaz
ore 09.15 Inizio del giro in bici
ore 11.30 Inizio della visita del Cimitero
ore 13.00 Termine della visita
ore 14.00 Partenza per il rientro
ore 16.30 Arrivo a Ceriano e fine gita

 

Quota di partecipazione

Gratuita

 

Iscrizioni

Entro giovedì 2 novembre 2017,

inviando una mail a bcgroane.fiab@gmail.com

oppure telefonando al 3487260917

 

Per l’escursione vale il Regolamento consultabile su internet all’indirizzo https://www.bcgroanefiab.it/regolamento-gite/.

La richiesta di iscrizione equivale a conoscenza ed accettazione di tale regolamento.

L’escursione è adatta a tutti, ma i minori devono essere accompagnati da un genitore o da chi ne fa le veci.

In caso di maltempo la gita verrà effettuata in treno con partenza dalla stazione FNM di Saronno. Costo del biglietto ferroviario a carico dei singoli partecipanti.
Il giorno prima della partenza verranno comunicate agli iscritti gli orari dei treni di andata e rientro.

 

La buona riuscita della cicloescursione dipende dalla partecipazione responsabile degli iscritti e dallo spirito di collaborazione con gli accompagnatori, che sono volontari dell’associazione.

Si ricorda a tutti i partecipanti che è sempre obbligatorio il rispetto delle norme del Codice della Strada, e che prudenza e buon senso aiutano a prevenire incidenti. Apparati di sicurezza attiva e passiva (freni, luci e catadiottri) devono essere presenti e in condizioni di efficienza. L’uso del casco, anche quando non obbligatorio, è sempre raccomandato.

Il presente programma non costituisce iniziativa turistica organizzata né attività sportiva, bensì attività sociale ricreativa-ambientale svolta per il raggiungimento degli scopi statutari dell’associazione.

L’iscrizione alla gita è da ritenersi autocertificazione di idoneità fisica.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Bruno Colombo 2017