BCGroane Fiab
BCGroaneFiab

LE CASCINE DELLA CITTA' DI MILANO

18 marzo 2018

ANNULLATA CAUSA MALTEMPO

Prima gita primaverile di questo 2018 per BCGroane-Fiab: un insolito giro a cavallo dei confini meridionali della città di Milano alla scoperta di come si è trasformata l'unità abitativa e produttiva tipica della campagna lombarda fino alla metà del XX secolo: la cascina.

Un percorso collegato e complementare a quello già esplorato qualche anno fa tra le “Abbazie a Sud di Milano”, stretto tra la città ed il Parco Agricolo Sud Milano. Dalla stazione di Porta Romana, che raggiungeremo in treno direttamente da Ceriano, attraverseremo l'area metropolitana milanese a ridosso del nucleo edificato.

Tra le luci e le ombre della “periferia” milanese pedaleremo in ambienti molto diversi ed a tratti inconciliabili: inattese oasi verdi difese dalla caparbietà degli abitanti e degli agricoltori (Parco Ticinello, Parco delle Cave di Muggiano), quartieri anonimi connotati solo dai tratti distintivi delle varie ondate speculative che dagli anni '60 si sono abbattute sulla città (Barona, Vigentino, Gratosoglio), la rete di rogge, canali e fontanili plasmata dalla millenaria abilità idraulica degli agricoltori lombardi, campi Rom e discariche abusive dimenticati nel degrado, ordinate risaie in cui si specchiano impensabili aironi e cormorani.

Attraverseremo, in punti particolarmente suggestivi, corsi d'acqua che già conosciamo: Naviglio Grande, Naviglio Pavese, Lambro (meridionale). 

In questo territorio ricco di contrasti, nel 2010 il Comune ha promosso l'istituzione del “Distretto Agricolo-Rurale di Milano” (DAM) nel quale 34 aziende agricole (1.500 ettari complessivi) hanno costituito una rete consorziale a tutela dei beni comuni: suolo, acqua, riqualificazione paesaggistico-ambientale, qualità dei prodotti.

Proprio in questa rete troveremo il filo conduttore della nostra pedalata, scoprendo i mille volti della cascina lombarda “attuale”: centro produttivo di filiere agricole qualificate, insediamento residenziale speculativo, rudere degradato, centro religioso, ristorante alla moda, polo culturale e di difesa del territorio. Per la nostra colazione al sacco ci ospiterà una delle cascine più antiche, ora destinata da un mirabile restauro ad un uso che ci sorprenderà.

Al termine del giro raggiungeremo la stazione di Cesano Boscone, dalla quale rientreremo direttamente a Ceriano.

Il percorso misura circa 45 Km, è interamente in piano e non richiede alcuna preparazione ciclistica; si svolge in parte su strade sterrate e non è quindi adatto alle bici da corsa; vanno bene tutte le altre biciclette.

I tratti condivisi con il traffico veicolare sono ridotti al minimo, a favore di stradelle di campagna e d'argine.

La necessità di trasportare le bici in treno impone di limitare i partecipanti ai primi 25 iscritti.

Aspettiamo le vostre numerose adesioni entro il 12 marzo 2018.

Un sentito ringraziamento all'Istituto SGI Italia per la disponibilità offerta.

Programma

ore 08.00     Ritrovo a Ceriano Laghetto in Piazza Diaz

ore 08.13     Partenza in treno dalla stazione di Ceriano

ore 09.16     Arrivo a Milano Porta Romana

ore 13.30    Pranzo al sacco

ore 16.22    Partenza da Cesano Boscone in treno

ore 17.46     Arrivo a Ceriano Laghetto

 

Quota di partecipazione

Soci FIAB, under18, over65 € 12,00  -  Non soci FIAB €14,00

Comprende biglietto treno + assicurazione FIAB RC e Infortuni

 

Iscrizioni

Entro lunedì 12 marzo 2018 inviando una mail a bcgroane.fiab@gmail.com

oppure telefonando al 3487260917

Per l’escursione vale il Regolamento consultabile su internet all’indirizzo https://www.bcgroanefiab.it/regolamento-gite/.

La richiesta di iscrizione equivale a conoscenza ed accettazione di tale regolamento.  minori devono essere accompagnati da un genitore o da chi ne fa le veci.

In caso di maltempo o condizioni ambientali inadeguate la gita sarà annullata.

La buona riuscita della cicloescursione dipende dalla partecipazione responsabile degli iscritti e dallo spirito di collaborazione con gli accompagnatori, che sono volontari dell’associazione.

Si ricorda a tutti i partecipanti che è sempre obbligatorio il rispetto delle norme del Codice della Strada, e che prudenza e buon senso aiutano a prevenire incidenti. Apparati di sicurezza attiva e passiva (freni, luci e catadiottri) devono essere presenti e in condizioni di efficienza. L’uso del casco, anche quando non obbligatorio, è sempre raccomandato.

Il presente programma non costituisce iniziativa turistica organizzata né attività sportiva, bensì attività sociale ricreativa-ambientale svolta per il raggiungimento degli scopi statutari dell’associazione.

L’iscrizione alla gita è da ritenersi autocertificazione di idoneità fisica.

Gita domenica 18 marzo 2018.pdf
Documento Adobe Acrobat [494.3 KB]
Stampa Stampa | Mappa del sito
© Bruno Colombo 2017